Arrivano le storie anche su Youtube!

Ogni social network crea, inventa, copia, sviluppa.
Barra Servizi

Nasce così su YouTube, il più famoso social network di video al mondo, la sezione dedicata alle storie, già lanciata da Snapchat, a cui hanno fatto seguito molte altre app come Facebook, Instagram o WhatsApp.

Le storie di YouTube si chiameranno Reels

La moda del momento è sicuramente quella di raccontare storie e YouTube si adegua ai tempi creando un’apposita sezione dedicata ai cosiddetti Reels. La trasformazione è ancora in fase di test, per verificarne le funzionalità ed eventualmente migliorare il prodotto, e perciò riservata ad un numero circoscritto di video creators, così come dichiara ufficialmente Google in un blog.

Ma l’obiettivo è quello di allargare la possibilità di realizzare Reels ad un numero maggiore di creatori nel momento in cui la sperimentazione avrà dato risposte positive.

In questa prima fase Reels sarà destinata ai YouTuber che hanno pagine seguite da almeno 10.000 follower e la sezione non sarà collocata nella parte superiore dell’App, ma in un’apposita scheda creata ad hoc sul canale del creator.

Reels: cosa sono e l’impatto che avranno

I Reels saranno delle brevi clip, non più di 30 secondi di durata, che andranno ad affiancare i video tradizionali che normalmente i creatori di YouTube già realizzano. La particolarità di queste brevi storie è che potranno essere accompagnate da testi e musiche di sottofondo, trasformati con appositi filtri e abbelliti da diversi adesivi.

Se vogliamo, niente di così nuovo e diverso dai suoi vicini di dominio arrivati prima di YouTube a questo punto, ma ai quali il grande social network non ha tardato ad allinearsi, ma nonostante questo i Reels presentano delle particolarità che li contraddistinguono.

Ad esempio, non scompariranno dopo 24 ore dalla loro pubblicazione, ma resteranno accessibili agli utenti che potranno commentarli o approvarli, inoltre se ne potranno pubblicare anche più di uno al giorno.

Un modo tutto nuovo di comunicare per i video creators che avranno così grande manovra di espressione e ancora più forza nel coinvolgere i propri fan utilizzando testo, foto, gif e anche sondaggi.

Un primo sbocco per il quale i Reels potrebbero essere usati e sfruttati dai grandi brand con molti follower è quella di creare storie che raccontino il marchio o meglio ancora diano voce, appunto attraverso questi brevi video caricati sul canale YouTube, alle testimonianze dei proprio clienti che possono coinvolgere e ispirare l’utente che osserva il video.

envision

Leggi anche questi articoli

Facebook e Instagram a pagamento: cosa c’è di vero?

A riportare la notizia è stato il sito web The Verge: Facebook e Instagram a pagamento per arginare una perdita di utili avvenuta nell’ultimo anno. ...
Federico Petracca

Anche il web inquina: ecco come

Non c’è dubbio che Internet renda molte attività quotidiane apparentemente più sostenibili per il nostro Pianeta. Ma c’è una cattiva ...
Angelo Pignatelli

Come gestire i commenti negativi su Facebook

Commenti negativi su Facebook? Purtroppo bisogna mettere in conto che potrebbero arrivare. Ma come gestirli? ...
Giulia Chiffi
CHIAMA SCRIVICI