Booking.com cambia modello di business: cosa succede e come restare competitivi

Booking è un portale che ti offre la possibilità di prenotare strutture alberghiere, voli, viaggi in Italia e all’estero, proponendo molteplici soluzioni e facendoti risparmiare.
Barra Servizi

Booking è un portale che ti offre la possibilità di prenotare strutture alberghiere, voli, viaggi in Italia e all’estero, proponendo molteplici soluzioni e facendoti risparmiare. Il modello di business sta cambiando con il modello “Merchant” che sta superando quello “Agency“.

Booking.com: i dati dei primi quattro mesi dell’anno

Un’analisi dei dati relativi al primo quadrimestre del 2022 ha mostrato sono molto cresciuti i pagamenti effettuati dagli utenti con il modello Merchant, che è arrivato ad una percentuale del 40% mettendo insieme un aumento del 13% confrontato con gli stessi mesi del 2021.

Una conferma del fatto che il modello Agency, finora il più utilizzato, sta scendendo a favore del Merchant che è già quello utilizzato da molte altre “OTA”, tra le quali Expedia. Un cambiamento che porterà variazioni anche per le strutture alberghiere.

Merchant e Agency: le differenze tra i due modelli

Con il modello Agency pagherai direttamente il costo presso l’hotel, o in alternativa al momento della prenotazione, e successivamente, a scadenza di un mese, l’hotel paga la dovuta commissione all’OTA che ha gestito il servizio di prenotazione.

Nel caso del modello Merchant invece, il cliente effettua il pagamento del prezzo totale all’OTA, che a sua volta paga il netto all’hotel, trattenendo l’importo della commissione.

Il primo modello è stato quello che ha decretato il successo di Booking.com per quanto riguarda le strutture alberghiere, in quanto offre alle stesse dei lati positivi come l’effetto sui movimenti di cassa, offrendo anche una serie di informazioni riguardanti il cliente prima del suo arrivo, abbassando nello stesso tempo il rischio della bancarotta relativamente all’agenzia.

Il successo di Booking.com

Il successo di Booking.com si basa su questo modello davvero innovativo al momento del lancio della piattaforma, si basa anche su altre caratteristiche come ad esempio la tecnologia, i Programmi Lovalty, il Branding, l’innovazione e i contenuti.

Gran parte del merito del successo è anche dovuta alle concessioni che sono state date a Booking.com da parte delle strutture del settore alberghiero, tra le quali la possibilità di effettuare la cancellazione gratuita della prenotazione.

Dopo una crescita vertiginosa, dovuta anche al modello Agency, per Booking.com è arrivato il momento del cambiamento, legato soprattutto alla crescita delle dimensioni dell’agenzia che ha portato a scegliere il modello Merchant. Negli ultimi anni questo modello ha assicurato una sempre maggiore crescita, mentre il modello Agency ha chiuso il 2019 in negativo.

I pro e i contro per le strutture

Questo cambiamento da parte di Booking.com è stato impostato per rendere il servizio più appetibile per gli hotel, eliminando tutta la burocrazia legata ai pagamenti dei clienti e proteggendo dalle frodi e dalle richieste di rimborso da parte dei clienti stessi.

Un’ulteriore vantaggio consiste nella garanzia di poter effettuare i pagamenti con dei metodi innovativi tra i quali Google Pay, Amazon Pay e Apple Pay.

Naturalmente, a fronte di una serie di vantaggi esistono anche dei contro che vanno da una ulteriore commissione pari al 3%, oltre che un flusso di cassa minore e la riduzione della possibilità per le strutture alberghiere di differenziare l’acquisizione della clientela.

Matteo Milo

Leggi anche questi articoli

A scuola di e-commerce: come diventare un ottimo imprenditore digitale

Oggigiorno, il ruolo di e-commerce manager è sicuramente uno dei ruoli professionali che desta maggior interesse nel quadro delle professioni ...
Biagio Chiarello

Criptovalute e inquinamento: ecco qual è l’impatto ambientale del Bitcoin

Può sembrare strano, ma minare le criptovalute, pur trattandosi di moneta interamente digitale, ha dei costi ambientali piuttosto elevati. Un ...
Angelo Pignatelli

Google lancia “Il mio centro per gli annunci”

Google ha da poco lanciato una funzione che dà agli utenti la possibilità di personalizzare e controllare la pubblicità. Si chiama “Il mio ...
Ernesto Torsello
CHIAMA SCRIVICI