Come dare un valore aggiunto al tuo profilo Instagram aziendale

Vorresti dare maggiore slancio al tuo business sfruttando il potere virale di immagini e video, e migliorare l’esperienza comunicativa con i tuoi clienti? Un profilo aziendale su Instagram può dare al tuo brand nuove possibilità di sviluppo e ampliare la base di clienti.
Barra Servizi

Vediamo insieme quali trucchi sfruttare per ottenere il meglio da questo social network delle immagini, il cui successo sembra non accennare a diminuire.

Per iniziare:

Sapevi che Instagram ha un blog dedicato alle aziende? Si chiama “Instagram for Business”. Comincia a seguirlo per non perdere mai un aggiornamento sul mondo business di Instagram. Potrebbe fornirti tante idee utili per la tua attività online e attingere ad un più ambio bacino di utenti.

Poi inizia a postare, ovviamente!

La domanda è: cosa pubblicare su Instagram? Trattandosi di un profilo aziendale “serio”, diamo per scontato che sarà necessario evitare immagini troppo personali come selfie o esperienze personali o, più in generale, tutti quei post che nulla hanno a che vedere con quello che si intende promuovere.

La verità, come sempre, sta nel mezzo: il modo migliore per tenere alta l’attenzione dei propri followers e acquisirne di nuovi è quello di alternare immagini relative al proprio business ad immagini più divertenti, che in qualche modo possano essere correlate con i prodotti o i servizi offerti.

Tutto dipende dal business, ovviamente: ad un primo sguardo, un’agenzia di viaggi su Instagram avrà vita più facile di un’agenzia di assicurazioni, ma non è detto! Il segreto sta nel saper ascoltare i propri lettori/follower e proporre loro contenuti interessanti e divertenti, che siano comunque rilevanti con la propria attività.

Per avere più followers su Instagram si può ricorrere ad alcuni “trucchi” molto efficaci: ci si può collegare al proprio account Facebook, postare contenuti utilizzando hashtag popolari e particolarmente rilevanti (il numero consigliato di hastag è 11), evitando quelli troppo lunghi e complessi, e successivamente iniziare a connettersi con altri profili seguendo i loro account Instagram e mettendo “mi piace” sulle loro foto e contenuti, o ancora meglio inserendo commenti appropriati e interessanti, a seconda dei casi.

Se hai un blog o un sito web, ricordati di inserire l’icona di Instagram in un posto che sia ben visibile ai tuoi visitatori. Inoltre, metti un “follow” a coloro che ti seguono, soprattutto se si tratta di aziende o privati operanti nel tuo settore: è un modo molto semplice per mettersi in mostra, anche se con discrezione, ma ancor di più potrai imparare nuove strategie promozionali direttamente dai tuoi “concorrenti”, o da soggetti che fanno business nel tuo stesso ramo professionale.

Infine, cerchiamo di rispondere ad una delle domande più gettonate da tutti coloro che aspirano a fare business (anche) attraverso Instagram: ogni quanto devo postare le immagini?

Non c’è una risposta precisa, ma in genere è consigliabile evitare di inserire troppe foto per non intasare le bacheche dei tuoi followers (con il rischio che non ti seguano più) e puntare su una sana programmazione dei contenuti su base settimanale.

Non è necessario essere presenti su Instagram ogni singolo giorno, l’importante è decidere cosa e quando pubblicare in base al materiale che si ha a disposizione, e poi ricordarsi di seguire in modo scrupoloso le reazioni dei propri followers: può aiutare a capire cosa interessa e cosa no, e regolare in questo modo le future pubblicazioni fino a renderle più mirate e potenzialmente virali.

Envision

Leggi anche questi articoli

Facebook e Instagram a pagamento: cosa c’è di vero?

A riportare la notizia è stato il sito web The Verge: Facebook e Instagram a pagamento per arginare una perdita di utili avvenuta nell’ultimo anno. ...
Federico Petracca

Anche il web inquina: ecco come

Non c’è dubbio che Internet renda molte attività quotidiane apparentemente più sostenibili per il nostro Pianeta. Ma c’è una cattiva ...
Angelo Pignatelli

Come gestire i commenti negativi su Facebook

Commenti negativi su Facebook? Purtroppo bisogna mettere in conto che potrebbero arrivare. Ma come gestirli? ...
Giulia Chiffi
CHIAMA SCRIVICI