Come dare un valore aggiunto al tuo profilo Instagram aziendale

Vorresti dare maggiore slancio al tuo business sfruttando il potere virale di immagini e video, e migliorare l’esperienza comunicativa con i tuoi clienti? Un profilo aziendale su Instagram può dare al tuo brand nuove possibilità di sviluppo e ampliare la base di clienti.

Vediamo insieme quali trucchi sfruttare per ottenere il meglio da questo social network delle immagini, il cui successo sembra non accennare a diminuire.

Per iniziare:

Sapevi che Instagram ha un blog dedicato alle aziende? Si chiama “Instagram for Business”. Comincia a seguirlo per non perdere mai un aggiornamento sul mondo business di Instagram. Potrebbe fornirti tante idee utili per la tua attività online e attingere ad un più ambio bacino di utenti.

Poi inizia a postare, ovviamente!

La domanda è: cosa pubblicare su Instagram? Trattandosi di un profilo aziendale “serio”, diamo per scontato che sarà necessario evitare immagini troppo personali come selfie o esperienze personali o, più in generale, tutti quei post che nulla hanno a che vedere con quello che si intende promuovere.

La verità, come sempre, sta nel mezzo: il modo migliore per tenere alta l’attenzione dei propri followers e acquisirne di nuovi è quello di alternare immagini relative al proprio business ad immagini più divertenti, che in qualche modo possano essere correlate con i prodotti o i servizi offerti.

Tutto dipende dal business, ovviamente: ad un primo sguardo, un’agenzia di viaggi su Instagram avrà vita più facile di un’agenzia di assicurazioni, ma non è detto! Il segreto sta nel saper ascoltare i propri lettori/follower e proporre loro contenuti interessanti e divertenti, che siano comunque rilevanti con la propria attività.

Per avere più followers su Instagram si può ricorrere ad alcuni “trucchi” molto efficaci: ci si può collegare al proprio account Facebook, postare contenuti utilizzando hashtag popolari e particolarmente rilevanti (il numero consigliato di hastag è 11), evitando quelli troppo lunghi e complessi, e successivamente iniziare a connettersi con altri profili seguendo i loro account Instagram e mettendo “mi piace” sulle loro foto e contenuti, o ancora meglio inserendo commenti appropriati e interessanti, a seconda dei casi.

Se hai un blog o un sito web, ricordati di inserire l’icona di Instagram in un posto che sia ben visibile ai tuoi visitatori. Inoltre, metti un “follow” a coloro che ti seguono, soprattutto se si tratta di aziende o privati operanti nel tuo settore: è un modo molto semplice per mettersi in mostra, anche se con discrezione, ma ancor di più potrai imparare nuove strategie promozionali direttamente dai tuoi “concorrenti”, o da soggetti che fanno business nel tuo stesso ramo professionale.

Infine, cerchiamo di rispondere ad una delle domande più gettonate da tutti coloro che aspirano a fare business (anche) attraverso Instagram: ogni quanto devo postare le immagini?

Non c’è una risposta precisa, ma in genere è consigliabile evitare di inserire troppe foto per non intasare le bacheche dei tuoi followers (con il rischio che non ti seguano più) e puntare su una sana programmazione dei contenuti su base settimanale.

Non è necessario essere presenti su Instagram ogni singolo giorno, l’importante è decidere cosa e quando pubblicare in base al materiale che si ha a disposizione, e poi ricordarsi di seguire in modo scrupoloso le reazioni dei propri followers: può aiutare a capire cosa interessa e cosa no, e regolare in questo modo le future pubblicazioni fino a renderle più mirate e potenzialmente virali.

Envision

Think Digital

Non c’è novità dal mondo del web che non alimenti la nostra insaziabile curiosità! Le innovazioni tecnologiche e informatiche ci appassionano e ci stimolano a ripensare continuamente gli schemi del nostro lavoro, per offrire ai nostri clienti soluzioni efficaci e sempre al passo coi tempi.

Leggi anche questi articoli

Flutter: che cos’è e come aiuta gli sviluppatori

Per velocizzare la realizzazione di app per diverse piattaforme, gli sviluppatori possono trovare un valido aiuto nel framework Google Flutter, ...
Angelo Pignatelli

Gutenberg, il nuovo editor di WordPress

Nel corso degli anni l’editor attuale di WordPress è rimasto pressoché identico. Anche se tutto sommato non è una cosa negativa, molti sono ...
Matteo Bleve

Quartieri: scopriamo la funzione di Facebook

I social, con la pandemia che torna a ricoprire il ruolo da protagonista nelle news tutti i giorni, si preparano a ri-lanciarsi come assoluti ...
Federico Petracca
CHIAMA SCRIVICI