Come viene affrontato il Coronavirus sui social? La reazione di Tik Tok

Tik Tok si allinea agli altri social, suggerendo agli utenti che cercano la parola coronavirus il link al sito del Ministero della Salute.

Un’azione che conferma la maturità raggiunta dal social network cinese nel giro di pochi anni, un’altra dimostrazione di forza agli occhi dei rivali Facebook e Twitter, dopo le tante accuse lanciate all’indirizzo dell’innovativa piattaforma social mentre aumentava la sua popolarità in Europa e negli Stati Uniti.

Il buon esempio

La pagina informativa realizzata da Tik Tok appositamente per le ricerche relative al nuovo coronavirus ha ricevuto il plauso da parte delle istituzioni, che hanno apprezzato la volontà da parte del social cinese di informare in maniera corretta i propri utenti sul virus, ed evitare così la diffusione di fake news correlate a un tema tanto delicato come il Covid-19. A questo proposito, è importante sottolineare come una delle principali preoccupazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dei Governi nazionali sia la circolazione di notizie false sul virus, responsabili a loro volta del diffondersi della paura tra i cittadini. Così facendo, Tik Tok aiuta le istituzioni di tutti i Paesi a informare in maniera ufficiale e sicura gli utenti dell’app rivelazione dell’ultimo periodo.

Landing page sul coronavirus

Un utente che apre l’applicazione Tik Tok e digita nella barra di ricerca la parola coronavirus, visualizza come risultato l’avviso Prevent Coronavirus. Appena sotto, è visibile un riquadro più piccolo dove compare la frase Scopri le informazioni sul coronavirus. Nella parte inferiore della schermata, invece, sono presenti i video di altri utenti Tik Tok che hanno realizzato un contributo inerente il virus cinese.

Per accedere alla landing page dedicata al tema, l’utente deve soltanto fare tap sul bottone posizionato accanto a Scopri le informazioni sul coronavirus. Dopo pochi istanti compare una nuova schermata intitolata Centro Sicurezza, dove sono presenti una serie di link che rimandano a risorse esterne ufficiali: i siti dei vari Ministeri della Salute locali e il portale web dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’incipit della pagina recita testuali parole: “Informare e garantire la sicurezza della nostra community sono priorità assolute”. Chiaro, dunque, il messaggio lanciato da Tik Tok non soltanto agli iscritti alla piattaforma, ma anche a chi ha sempre guardato con sospetto il social del momento.

Coronavirus: accordo tra ministero della Salute, Facebook e Twitter

Nei giorni scorsi, l’autorevole quotidiano Repubblica ha confermato l’accordo raggiunto tra ministero della Salute, Facebook e Twitter al fine di combattere la disinformazione in rete sul Covid-19.

Gli iscritti alle due piattaforme social che cercano la parola coronavirus vengono rimandati al sito ufficiale del ministero della Salute, oltre all’account istituzionale (@MinisteroSalute). L’intesa tra i due social e il ministero italiano risale a qualche giorno prima che Tik Tok presentasse come risultato per la ricerca Tik Tok la landing page dedicata.

envision

Think Digital

Non c’è novità dal mondo del web che non alimenti la nostra insaziabile curiosità! Le innovazioni tecnologiche e informatiche ci appassionano e ci stimolano a ripensare continuamente gli schemi del nostro lavoro, per offrire ai nostri clienti soluzioni efficaci e sempre al passo coi tempi.

Leggi anche questi articoli

La logistica, il primo step da affrontare durante la costituzione di un Ecommerce

Il mercato della logistica è in continua espansione. Se nelle fasi immediatamente precedenti alla pandemia la logistica è stata investita da una ...
Ernesto Torsello

Google Core Web Vitals, le nuove metriche chiave per la SEO

Sono ormai diversi anni che Google si impegna nel rendere più semplice e piacevole l’user experience e nel maggio del 2020 ha introdotto una ...
Donato Antonazzo

Vi presentiamo il nuovo logo di Envision

Envision insieme al nuovo sito, ha rinnovato la sua identità visiva. Dopo 8 anni, abbiamo deciso di riporre in soffitta il nostro vecchio logo per ...
Alessia Nuzzo
CHIAMA SCRIVICI