Consumatori e Brand: un rapporto da ripensare in ottica digital-first

Il 2020 ha portato con sé cambiamenti epocali e nuove abitudini quotidiane.
Barra Servizi

Il rapporto tra i consumatori e i brand che vendono i vari prodotti è cambiato, soprattutto per il cambio delle esigenze da parte dei primi causato dall’impatto sui consumi che è derivato dalla pandemia.

Empatia, personalizzazione e trasformazione digitale sono diventati i fattori più importanti nella costruzione delle relazioni con i propri clienti. Di questa mutazione del rapporto si è interessata la quarta edizione di uno studio intitolato “State of the Connected Customer”, elaborato da Salesforce.

Uno studio a livello mondiale

Per la redazione di questo studio sono state raccolte, nei mesi di luglio e agosto dello scorso anno, le impressioni di più di 12.000 consumatori e di 3.600 responsabili d’acquisto. I paesi coinvolti, tra i quali anche l’Italia, erano 27 e i consumatori appartenevano a quattro diverse categorie, i Baby Boomer, la Generazione X, i Millennial e la Gen Z. Dallo studio è emerso come in questo scenario, imprevisto sino a poco tempo prima, la relazione tra i vari marchi e i potenziali clienti sta cambiando, grazie al digitale, ma anche ad altri elementi come la personalizzazione, l’empatia ed il coinvolgimento.

Le tendenze principali

L’impatto sulle abitudini dei consumatori a causa della pandemia è reale e oggettivo. Nel rapporto elaborato da Salesforce se ne tiene conto e questo fa emergere delle nuove tendenze.

Tra queste anche quella relativa al fattore “trust”, che ha aumentato la sua importanza in quanto, proprio in un momento di stravolgimento della situazione, i brand possono ricostruire e rafforzare il rapporto di fiducia con i clienti dando ad esempio prova di una grande affidabilità. Il 92% dei consumatori italiani intervistati ha dichiarato che l’affidabilità fa sempre la differenza e il 68% che la situazione causata dalla pandemia ha alzato l’asticella delle proprie aspettative nei confronti dei brand per quanto riguarda le relazioni digitali.

Tra i “decision maker”, il 57% evidenzia la mancata condivisione esistente per quanto riguarda le informazioni tra il settore vendite, il marketing e il customer care. Tra le nuove abitudini di consumo, un tassello fondamentale è quello del digitale, con l’atteggiamento “digital-first” degli utenti, che sembra consolidarsi in tutte le fasi, anche nella “new normal”.

Dallo studio è emerso anche che l’89% degli intervistati italiani ritiene che i brand debbano accelerare sullo sviluppo del digitale. Le interazioni online tra consumatore e brand hanno registrato infatti una forte crescita nel 2020, attestandosi intorno al 58%, contro il 41% del 2019.

Le conclusioni

In un contesto in costante mutamento come quello attuale, per le aziende è fondamentale ascoltare e rispondere alle richieste dei consumatori con empatia e comprensione, proponendo prodotti e servizi innovativi e ripensando anche il proprio ruolo all’interno della società.

 

Alessia Nuzzo

Leggi anche questi articoli

A scuola di e-commerce: come diventare un ottimo imprenditore digitale

Oggigiorno, il ruolo di e-commerce manager è sicuramente uno dei ruoli professionali che desta maggior interesse nel quadro delle professioni ...
Biagio Chiarello

Criptovalute e inquinamento: ecco qual è l’impatto ambientale del Bitcoin

Può sembrare strano, ma minare le criptovalute, pur trattandosi di moneta interamente digitale, ha dei costi ambientali piuttosto elevati. Un ...
Angelo Pignatelli

Google lancia “Il mio centro per gli annunci”

Google ha da poco lanciato una funzione che dà agli utenti la possibilità di personalizzare e controllare la pubblicità. Si chiama “Il mio ...
Ernesto Torsello
CHIAMA SCRIVICI