Content Delivery Network: cosa sono e perché ogni azienda dovrebbe averli

La rete internet funziona da sempre attraverso l’interazione fra server e client, dove il primo rappresenta per certi versi l’offerta del World Wide Web, mentre il secondo l’internauta.

I CDN (Content Delivery Network) sono di fatto dei motori appositi che riuniscono una rete di server con lo scopo di renderli disponibili più velocemente e con maggior semplicità; vediamo insieme come funzionano.

Come funzionano i CDN

Il funzionamento dei Content Delivery Network è molto semplice; si tratta di aggregatori che hanno lo scopo da una parte di selezionare la richiesta (query) dell’utente e dall’altra di raggruppare i dati più pertinenti che sono presenti nel web, il tutto attraverso una ricerca capace di concentrare i migliori server del pianeta. Il fine definitivo di questa moderna soluzione consiste nel velocizzare la ricerca dell’utente, che in tal modo dispone anche di una selezione più qualitativa dei dati.

I CDN sono fondamentali per qualsiasi azienda; infatti, non è fatto mistero di quanto possano inficiare i ritardi di comunicazione con i server d’oltreoceano nelle giornate di maggiore traffico, situazioni che possono compromettere non poco i profitti di coloro che operano esclusivamente con la rete, e non solo.

In pratica, grazie ai CDN diventa possibile leggere i dati dalle fonti più prossime al client, server periodicamente aggiornati direttamente dalle fonti principali più distanti.

I CDN e i PoP

L’acronimo PoP significa letteralmente Point of Presence e indica quei server di memorizzazione che replicano i contenuti provenienti dai siti originari; l’interazione fra CDN e PoP è dunque di primaria importanza per rendere efficace questa tecnologia.

Oltre a quelli già menzionati, gli ulteriori vantaggi nell’utilizzare un CDN consistono principalmente in quelli di seguito indicati:

  • possibilità di gestire il carico di dati, una soluzione che permette di risparmiare denaro per la necessità di uno spazio di archiviazione minore;
  • capacità di selezionare i dati. Alcuni CDN sono ottimizzati per scaricare video Full HD e raggiungono in tal modo performance notevoli per quanto riguarda il download;
  • i CDN sono molto più rapidi anche per lanciare i dati in rete, un’altra importante opportunità per le aziende che optano per il loro utilizzo;
  • maggiore protezione dagli attacchi virali di tipo DDos, un problema che comporta un vero e proprio “crash” delle pagine del sito causato dall’eccessiva e indiscriminata richiesta.

Scegliere i CDN significa affidarsi a un web di qualità soprattutto dal punto di vista tecnico.

Angelo Pignatelli

Leggi anche questi articoli

Twitter passa a Musk: libertà di parola al primo posto

Con l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk, per una cifra di un valore complessivo di 44 miliardi di dollari, il social network che “ ...
Giulia Chiffi

Fissare i post in alto? Instagram ci sta pensando

Negli ultimi mesi gli sviluppatori di uno dei social network più amati e popolati al mondo, Instagram, ha implementato delle modifiche che hanno la ...
Federico Petracca

Turismo esperienziale: le eccellenze pugliesi al BTM 2022

BTM – Business Tourism Management è alla sua ottava edizione. Come sempre, si tratta di un evento che unisce i principali intermediari del settore ...
Ernesto Torsello
CHIAMA SCRIVICI