Dipendenza da internet come una droga: gli effetti dell’astinenza

Ogni essere umano, ai nostri giorni, sembra non riesca a fare a meno della connessione ad Internet, fruibile da diverse tipologie di dispositivi tecnologici, su tutti pc e smartphone, in ogni momento della giornata e in ogni luogo.

L’avvento capillare della tecnologia digitale ci ha di fatto portati a trascorrere sempre più tempo sulla rete, anche solo per controllare il nostro profilo sui social network, per leggere l’ultimo messaggio su Whatsapp o per essere aggiornati sulle ultime notizie dal mondo.

Questo comportamento non fa altro che creare dipendenza, la stessa che si prova con l’alcol, il fumo o la droga e per questo motivo è stata portata avanti una ricerca al fine di scoprire gli effetti di questa dipendenza dal web e il modo per uscirne.

Gli effetti della dipendenza da Internet

La ricerca è stata condotta da un team di ricercatori dell’università degli Studi di Milano e dell’Università di Swansea in Gran Bretagna: sono stati presi come campione 144 individui con un’età compresa tra i 18 e i 33 anni, i quali hanno provato una breve sessione di connessione ad Internet.

Mentre erano connessi, è stata tenuta sotto controllo la loro pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, l’ansia e la dipendenza dal web. Ciò che è emerso è davvero preoccupante: per il 40% di loro l’uso del web è stato problematico e subito dopo la disconnessione si è registrato un aumento del 3-4% sia della pressione sanguigna che della frequenza cardiaca.

Tutto questo non produce sicuramente effetti negativi nell’immediato, ma a lungo andare potrebbe portare ad un abbassamento delle difese immunitarie e a più frequenti stati di ansia, tutti sintomi che fanno pensare ad un vero e proprio stato di astinenza, la stessa che si registra negli individui dipendenti da droghe, alcol o fumo.

Per placare questo senso di insoddisfazione gli utenti tenderanno a riconnettersi ad Internet poco dopo, portando di conseguenza ad un aumento ulteriore del tasso di dipendenza dal web.

Non solo effetti psicologici, ma anche fisiologici

Lo studio giunge pertanto a questa conclusione: se finora la dipendenza da Internet comportava solo degli effettivi cambiamenti psicologici e neurologici, oggi si può dire che questa tipologia di dipendenza porti anche a dei cambiamenti fisiologici, riscontrabili, per esempio, in un aumento dell’ansia, della depressione e della solitudine, oltre che ad un aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna.

Pertanto, è opportuno, secondo il coordinatore dello studio Phil Reed, tenere sotto controllo questa evoluzione nelle abitudini dell’uomo e adottare un atteggiamento sempre più responsabile nella commercializzazione dei mezzi di comunicazione digitali da parte delle aziende, proprio come avviene per l’alcol, la droga e il fumo, al fine di prevenire e curare questa dipendenza che non deve essere assolutamente sottovalutata.

envision

Think Digital

Non c’è novità dal mondo del web che non alimenti la nostra insaziabile curiosità! Le innovazioni tecnologiche e informatiche ci appassionano e ci stimolano a ripensare continuamente gli schemi del nostro lavoro, per offrire ai nostri clienti soluzioni efficaci e sempre al passo coi tempi.

Leggi anche questi articoli

Flutter: che cos’è e come aiuta gli sviluppatori

Per velocizzare la realizzazione di app per diverse piattaforme, gli sviluppatori possono trovare un valido aiuto nel framework Google Flutter, ...
Angelo Pignatelli

Gutenberg, il nuovo editor di WordPress

Nel corso degli anni l’editor attuale di WordPress è rimasto pressoché identico. Anche se tutto sommato non è una cosa negativa, molti sono ...
Matteo Bleve

Quartieri: scopriamo la funzione di Facebook

I social, con la pandemia che torna a ricoprire il ruolo da protagonista nelle news tutti i giorni, si preparano a ri-lanciarsi come assoluti ...
Federico Petracca
CHIAMA SCRIVICI