Hai un ristorante? Ecco i nostri consigli su come curare il tuo business!

Se è vero che la globalizzazione ha arricchito il panorama del food italiano e i talent culinari ne hanno affinato il palato, promuovere i propri prodotti sui social non è più sufficiente.

1) Scegli un alleato per il tuo storytelling

Pubblicare qualche foto e rispondere ai commenti ormai non basta più. Grazie a Stories, Instagram ti consente di fare affidamento su di un menestrello 2.0 che racconti la tua storia. Il social fotografico ha infatti mutuato da Snapchat la possibilità di pubblicare foto e video temporanee, da personalizzare con filtri, disegni e sticker. Obiettivo: aprire al cliente la backdoor della propria cucina per avere con lui un approccio ancor più stretto ed informale. Le foto saranno utili a diffondere e pubblicizzare le offerte del giorno, le serate a tema, i dettagli dell’arredamento e i menù speciali, mentre i video contribuiranno a far respirare gli odori e i sapori delle tue pietanze, nonché a far cogliere lo spirito del tuo ristorante.

2) Costruisci le tue offerte sul proximity marketing

Sono ormai finiti i tempi in cui era sufficiente una carta fedeltà per creare un rapporto duraturo con i nuovi foodie. Con l’avvento del mobile marketing, è diventato fondamentale analizzare il contesto competitivo per catturare la propria fascia di pubblico ancor prima che si sieda al tavolo. Ad esempio, creando un’app che sia in grado di mostrarti quali siano i giorni e le ore in cui il tuo business registra il minor afflusso.

Un software mobile come GoodBarber ti dà il supporto che ti porta a raggiungere il tuo pubblico nel modo giusto e al momento giusto, tramite coupon e Loyalty Card totalmente personalizzabili, ma anche grazie a bonus e promozioni geolocalizzate. Molto indicate sono anche le soluzioni offerte da GeoFencing e Beacons, che sfruttano il comportamento dell’utente entro una determinata area geografica, per inviare notifiche che implementino la sua frequenza d’acquisto con offerte sempre appetibili e puntuali.

3) Aggiorna la clientela presente nei dintorni

Crea l’occasione di informare i tuoi clienti sulle iniziative che riguardano il tuo locale, ma in maniera ristretta e specifica. Con Localized Facebook Ads sarà come avere a disposizione un promoter personale, ma in versione digitale. Potrai servirti delle news di Facebook targettizzandole come meglio credi, per città o addirittura per quartiere, così da raggiungere al meglio i tuoi clienti più fedeli e coloro che, con tutta probabilità, saranno interessati alle tue proposte.

4) Organizza #eventi e contest per la community

Gli eventi, anche di collaborazione, come pizza al martedì, sconto del giovedì e Cena con Delitto il venerdì possono essere interessanti, ma non sufficienti a limitare la crisi del piatto. Per convincere la tua audience a venire da te, devi giocare con essa e coinvolgerla. Promuovi dunque iniziative, concorsi, giochi a premi e dai vita a una community. Imitando ‘Italia in tavola’, invita i clienti a condividere le food pic delle pietanze che più amano mangiare nella tua venue, chiedi loro qual è la ricetta del mese e dispensa i tuoi consigli del mestiere.

Infine, fai come Starbucks e usa Twitter per lanciare un hashtag che unisca i tuoi piatti a tematiche importanti per la vita dell’utente.

envision

Think Digital

Non c’è novità dal mondo del web che non alimenti la nostra insaziabile curiosità! Le innovazioni tecnologiche e informatiche ci appassionano e ci stimolano a ripensare continuamente gli schemi del nostro lavoro, per offrire ai nostri clienti soluzioni efficaci e sempre al passo coi tempi.

Leggi anche questi articoli

Gmail cambia logo: ecco come sarà

Google, il gigante di Mountain View, è una costante fonte di innovazione per gli utenti. Per questo motivo, Google non smette di guardare al futuro ...
Alessia Nuzzo

C’erano una volta gli emoticon: scopri quando sono nate le famose “faccine”

Chi di noi non conosce le emoticon, utilizzate quotidianamente nei messaggi e sui social? Ma forse non tutti sanno quando sono nate le famose ...
Giulia Chiffi

Scopriamo gli Hook di WordPress

Chiunque abbia una buona conoscenza dell’informatica, sarà senz’altro al corrente dell’esistenza delle procedure (o subroutines), ...
Biagio Chiarello
CHIAMA SCRIVICI