Il Report di SaleCycle fa luce sul Carrello Abbandonato

Il fenomeno del carrello abbandonato è un problema molto attuale per i siti e-commerce, e non sono poche le aziende a chiedersi quali siano le motivazioni che inducono sempre più utenti a non proseguire gli acquisti.
Barra Servizi

Anche tu, se possiedi un e-commerce, ti sarai chiesto come puoi affrontare l’abbandono del carrello e quali siano le strategie più adatte per contrastare questo inconveniente.

Le cause principali del carrello abbandonato

Una delle cause primarie di abbandono del carrello riguarda i costi supplementari che si aggiungono a quelli del prodotto, come ad esempio quelli relativi alla spedizione o tasse varie.

Non di rado infatti il prezzo relativo alla spedizione viene palesato esclusivamente in fase di acquisto, e questo genera un tasso elevato di rinuncia allo shopping.

Altri motivi che portano spesso all’interruzione degli acquisti online sono l’obbligo di creare un account per completare l’operazione e i tempi di consegna troppo poco rapidi.

I dati del report di SaleCycle

Il report di SaleCycle mette in luce tutti i trend globali relativi allo shopping online, suddividendoli anche in base ai singoli prodotti. Attraverso l’analisi dei dati è possibile comprendere quali siano le abitudini dei consumatori, e tra questi estrapolare tutte le informazioni relative all’abbandono del carrello.

Tendenze e statistiche permettono di elaborare le strategie più giuste per contrastare il fenomeno ed aumentare le conversioni. Uno dei primi elementi che emergono è la stagionalità; ogni prodotto ha un picco di vendita in un determinato periodo dell’anno, ed incrementarne il marketing proprio in quel momento, significa potenziarne la vendita.

Un altro dato fondamentale riguarda i prodotti più venduti online: SaleCycle rileva che sul podio vi sono gli abiti da donna, seguiti da t-shirt, jeans (che non hanno un picco di vendita stagionale) e maglioni.

Come migliorare le conversioni ed aumentare le vendite

Come abbiamo visto, le motivazioni che possono spingere un utente ad abbandonare il carrello sono molte. Per ridurre questa spiacevole evenienza si possono usare strategie di marketing vincenti, come ad esempio il remarketing, l’email marketing, o l’invio di notifiche e SMS.
Tuttavia a volte questo non basta, e quindi le cause di abbandono del carrello vanno ricercate altrove.

Una grande percentuale di utenti interrompe gli acquisti perché il sito si carica troppo lentamente o non è ottimizzato per l’uso da dispositivo mobile. I dati su questa difficoltà sono molto palesi: i tassi di abbandono del carrello sono molto più elevati da smartphone (85,55%), che da PC (78,68%).
Migliorare l’esperienza di acquisto da mobile è quindi una delle sfide principali che dovranno affrontare gli e-commerce nel prossimo futuro.

Leggi anche questi articoli

PHP e tipizzazione delle costanti di classe: un viaggio attraverso l’evoluzione del codice

Nell’universo dello sviluppo web, PHP si è affermato come uno dei pilastri portanti, grazie alla sua flessibilità e alla capacità di adattarsi ...

Come creare Funnel di Vendita che convertono: la guida pratica

Immagina di essere un esploratore in un territorio sconosciuto. Ogni passo che fai ti avvicina a una scoperta preziosa. Questo è il viaggio che i ...

WordPress e personalizzazione: tutti i passaggi per un sito unico

Ah, WordPress! Quella piattaforma che ha reso la creazione di siti web accessibile a milioni di persone in tutto il mondo. Che tu sia un ...
CHIAMA SCRIVICI