Ma il meta-tag “keyword” serve ancora?

Le strategie SEO sono il motore del web marketing: da questo punto di vista, le keyword rappresentano la base di ogni sito che voglia essere correttamente indicizzato su Google, così da poter ottenere visibilità e successo.

Ma quando si tratta di posizionarle all’interno del sito web, più di un webmaster si fa spesso assalire da dubbi mistici: bisogna seguire le linee guida di Google o affidarsi alle intuizioni dei cosiddetti ‘smanettoni’ del web marketing? Da questo punto di vista, il meta-tag keyword è sempre stato al centro di affascinanti leggende metropolitane. Vediamo di sfatarne qualcuna e di vedere se il meta-tag keyword serve ancora a qualcosa.

Meta-tag o metà-tag?

Il meta-tag keyword fa parte di quell’insieme di tecniche SEO che l’utente finale non visualizza all’interno del sito, ma che i robot di Google utilizzano per ‘catturare’ un sito e posizionarlo correttamente all’interno dei risultati di ricerca.

Al contrario dei meta-tag “title” e “description”, però, il meta-tag “keyword” ha visto calare drasticamente nel corso degli anni la sua originaria appetibilità: se all’inizio veniva considerato come il principe del posizionamento, adesso gli algoritmi di Google non lo prendono in considerazione nemmeno per una briscola col morto.

Inserire al suo interno le parole chiave che identificano il vostro sito, dunque, non vi porterà alcun beneficio a livello di posizionamento su Google.

Google si è ‘stuffata’

Il motivo per cui il meta-tag keyword è finito all’ultimo posto delle gerarchie di posizionamento è di facile comprensione: Google si è stufata (o meglio, ‘stuffata’) dei trucchetti che i primi esperti di SEO utilizzavano per forzare i suoi algoritmi e per far schizzare alle stelle i propri siti.

Il meta-tag keyword, infatti, veniva solitamente riempito di decine di parole chiave che avevano scarsissima attinenza con il sito web, al solo scopo di costringere Google a dare immotivata visibilità alle pagine del portale.

Con gli aggiornamenti dei propri algoritmi, Google ha escluso questo meta-tag dai criteri di indicizzazione, facendo un enorme favore ai propri utenti e un clamoroso danno a chi, invece, basava sul meta-tag keyword le proprie ambizioni di visibilità.

Bisogna fidarsi?

Matt Cutts, sviluppatore di Google, ha dichiarato che il meta-tag keyword viene generalmente ignorato dagli algoritmi del motore di ricerca: quel ‘generalmente’ ha messo più di una pulce nell’orecchio di molti esperti di web marketing che, per non saper né leggere né scrivere, hanno preferito eliminare il meta-tag keyword per togliersi ogni pensiero.

Ad onor di cronaca, però, bisogna segnalare che gli altri motori di ricerca come Yahoo! o Bing, tengono ancora in considerazione il tag “meta-keyword”.

Envision

Think Digital

Non c’è novità dal mondo del web che non alimenti la nostra insaziabile curiosità! Le innovazioni tecnologiche e informatiche ci appassionano e ci stimolano a ripensare continuamente gli schemi del nostro lavoro, per offrire ai nostri clienti soluzioni efficaci e sempre al passo coi tempi.

Leggi anche questi articoli

Flutter: che cos’è e come aiuta gli sviluppatori

Per velocizzare la realizzazione di app per diverse piattaforme, gli sviluppatori possono trovare un valido aiuto nel framework Google Flutter, ...
Angelo Pignatelli

Gutenberg il un nuovo editor di WordPress

Nel corso degli anni l’editor attuale di WordPress è rimasto pressoché identico. Anche se tutto sommato non è una cosa negativa, molti sono ...
Matteo Bleve

Quartieri: scopriamo la funzione di Facebook

I social, con la pandemia che torna a ricoprire il ruolo da protagonista nelle news tutti i giorni, si preparano a ri-lanciarsi come assoluti ...
Federico Petracca
CHIAMA SCRIVICI