Metaverso: che cos’è e come entrarci

Il primo a parlare di Metaverso, nell’ormai lontano 1992, è stato lo scrittore Neal Stephenson che ha ambientato un suo interno romanzo, dal titolo Snow crash, all’interno di un mondo tridimensionale la cui popolazione era composta esclusivamente da avatar di comuni persone.

Questo termine oggi sta diventando sempre più popolare da quando il creatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha annunciato al mondo interno il cambio del nome dell’azienda in Meta.

Questo annuncio è coinciso anche con il lancio di questo innovativo universo fatto di spazi virtuali realizzabili e vivibili insieme ad altri utenti non presenti fisicamente nello stesso posto. In poche parole, uno spazio digitale in cui svolgere le attività di ogni giorno.

In questo articolo, quindi, vedremo proprio come entrare in questo Metaverso.

Principali caratteristiche del Metaverso

Il Metaverso, come anticipato, non è altro che l’unione di diversi spazi virtuali che consentono agli utenti di poter svolgere diverse tipologie di attività sia singolarmente che con altre persone non presenti fisicamente.

Naturalmente, lo sviluppo completo di questo sistema richiede ancora molti anni, si presume dai dieci ai quindici. Inoltre, vedrà coinvolte tantissime aziende, considerando che all’interno di questo spazio virtuale si potranno svolgere attività di ogni genere.

Nonostante i lunghi tempi di sviluppo, già oggi è possibile iniziare a fare i primi passi dentro il Metaverso e non è nemmeno un’operazione così difficile.

Le attuali piattaforme

Prima di vedere come fare ad entrare nel Metaverso è doveroso chiarire quali sono le piattaforme utilizzabili. I mondi più conosciuti, al momento, sono due: Decentraland e The Sandbox Game.

Il primo è un mondo tridimensionale basato su blockchain Ethereum. Consente alle persone, rappresentate da un avatar, di giocare, esplorare ed effettuare compravendite. Inoltre, è possibile anche realizzare scenari completamente nuovi dando spazio alla fantasia personale.

Il secondo mondo è molto simile. Gli utenti possono muoversi liberamente scegliendo di acquistare spazi o semplicemente visitarli. Anche questo spazio è basato sulla stessa blockchain di Decentraland e ogni singolo elemento digitale viene considerato un “Non Fungible Token (NFT)”. Gli NFT, come ogni altro oggetto presente, possono essere venduti.

Come entrare nel Metaverso

Partiamo con il precisare che per avere accesso al Metaverso occorre avere degli specifici requisiti. Il primo, imprescindibile, è il possesso di un cryptowallet. Se non lo si possiede può essere aperto con estrema rapidità e semplicità.

Ovviamente, si deve avere una connessione dati abbastanza stabile e veloce. Anche il PC dal quale ci si collega deve avere performance elevate, così da evitare impuntamenti o bug che potrebbero minare la qualità dell’esperienza all’interno del Metaverso.

Un elemento non indispensabile ma che rende l’esperienza molto più immersiva e realistica è il visore di realtà virtuale.

Dopo essersi accertati di avere tutti gli elementi indispensabili e dopo aver deciso la piattaforma preferita per entrare nel Metaverso, per prima cosa occorre creare un avatar che rappresenti sé stesso nel nuovo mondo virtuale.

Concluso questo step si potrà iniziare l’avventura vera e propria iniziando la libera esplorazione del nuovo mondo, cominciando a giocare e interagire con gli altri utenti presenti.

Angelo Pignatelli

Leggi anche questi articoli

Twitter passa a Musk: libertà di parola al primo posto

Con l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk, per una cifra di un valore complessivo di 44 miliardi di dollari, il social network che “ ...
Giulia Chiffi

Fissare i post in alto? Instagram ci sta pensando

Negli ultimi mesi gli sviluppatori di uno dei social network più amati e popolati al mondo, Instagram, ha implementato delle modifiche che hanno la ...
Federico Petracca

Turismo esperienziale: le eccellenze pugliesi al BTM 2022

BTM – Business Tourism Management è alla sua ottava edizione. Come sempre, si tratta di un evento che unisce i principali intermediari del settore ...
Ernesto Torsello
CHIAMA SCRIVICI