Nextcloud: il cloud sicuro, gratis e fai da te!

Il cloud è una soluzione che negli ultimi anni è diventata letteralmente legge.

Il cloud è una soluzione che negli ultimi anni è diventata letteralmente legge. Riuscire ad avere tutto ciò di cui abbiamo bisogno sempre a portata di mano, sia in mobilità che da PC, è qualcosa che facilita il nostro lavoro e le nostre giornate.

Cloud e privacy: comodità e rischi

I più “paranoici”, però, hanno il sacrosanto diritto di alimentare dubbi e sospetti sull’integrità e la sicurezza dei propri dati. Chi ci garantisce che vengano veramente salvaguardati o, addirittura, che non vengano sfruttati per altri scopi? Dove sono? Quante copie dei miei dati ci sono sparse per il mondo su server differenti? Alla luce degli ultimi attacchi hacker al cospetto di colossi digitali e governi vari c’è poco da star tranquilli, ma non è detto che non ci sia una soluzione.

Nextcloud: l’alternativa fatta in casa e open source

Nextcloud è una soluzione perfetta per tutti coloro che da buoni “smanettoni” vogliono avere il pieno controllo su qualcosa di grandioso! La piattaforma è un semplice applicativo PHP che può girare con Apache e MySql, insomma, come un vero e proprio sito web. Supporta tutte le funzionalità che offrono i maggiori cloud service: gestione di utenti, privilegi, condivisione file, sincronizzazione, app dedicata, sicurezza dei dati e totale controllo di essi. Dov’è il trucco allora? Beh, non c’è alcun trucco, l’unica particolarità consiste semplicemente nel fatto che lo spazio di archiviazione a disposizione dipenderà da voi.

 

Soluzioni di installazione per Nextcloud

Ovviamente, per poterci metter su dei dati, Nextcloud ha bisogno di uno spazio di archiviazione e questo dipenderà dal disco rigido che metterete a disposizione del vostro personal cloud service. Per fare ciò bisogna fare qualche passo indietro ed entrare un pò di più nel dettaglio tecnico. Come già detto, Nextcloud è scritto in PHP e per farlo “girare” bisogna avere un web server con Apache (o quello che preferite) e MySql come motore database per immagazzinare le informazioni necessarie a Nextcloud. In sostanza ci basta avere un mini computer (magari a basso consumo) connesso a casa, da lasciare sempre accesso e con un Hard Disk collegato che sarà il contenitore di tutti i nostri dati. Una volta settato il web server e installato/configurato Nextcloud avremo a disposizione tutti i servizi di un cloud, ma direttamente da casa nostra!

 

Svantaggi del cloud personale

Non può essere tutto rose e fiori, è vero, ma anche se esistono degli svantaggi sono dei casi sui quali si può tranquillamente sorvolare, come ad esempio:

  • Consumo elettrico (si può contenere con mini PC che consumano al massimo tra i 4 e gli 8 watt)
  • Down della connessione o corrente a casa (sarebbe il classico disservizio che abbiamo anche quando paghiamo)
  • Acquisto di PC e disco rigido capiente (se sprovvisti di ciò saranno comunque spese una tantum)

 

Facilitare l’installazione e la configurazione del nostro piccolo server

Installazione e configurazione sono complesse? Non demordere, c’è sempre l’asso nella manica. Nei paragrafi precedenti ho volontariamente sorvolato la questione più ostica e tecnica del web server. Ovviamente, mettere su un web server non è un’operazione che facciamo tutti i giorni, però, a nostro supporto esiste un’altra soluzione: Docker.

La “containerizzazione” non è solo il futuro, è già il presente, ma non voglio confondervi le idee, quindi, passiamo subito al punto. Docker è un software disponibile per i vari sistemi operativi che vi permette di avviare, provare, testare un applicativo qualsiasi senza sbattere con configurazioni e installazioni varie. Scaricate Docker, lo installate, scegliete l’applicativo desiderato dal repository, nel nostro caso Nextcloud e provvederà lui ad avviarlo su uno specifico indirizzo e porta locale. Voi richiamate dal vostro browser l’indirizzo indicato e di colpo vedrete avviato Nextcloud pronto per essere configurato. Ovviamente, per fare ciò dovrete avere un minimo di conoscenza di Docker, ma vi lascio tutti i link necessari qui di seguito. Buona fortuna 😉

 

P.S.: Se proprio non volete sbattere la testa, alcuni provider di terze parti e Nextcloud stesso mettono a disposizione spazio web e web server (a pagamento), ma tornereste al punto di partenza… ad un cloud service del quale non avete controllo!

 

Link Utili

Nextcloud: https://nextcloud.com/

Docker Desktop: https://www.docker.com/products/docker-desktop

Docker Hub (Repository): https://hub.docker.com/

 

Valentino Orlando

Leggi anche questi articoli

Google e l’editoria: nuovi strumenti e funzionalità

Google scende in campo a sostegno del giornalismo locale. Il noto colosso dei motori di ricerca ha scelto di introdurre un insieme di strumenti ...
Federico Petracca

CRO Marketing: cos’è la Conversion Rate Optimization

Avrai spesso sentito parlare, in ambito marketing, della CRO, delle sue caratteristiche, delle migliori tecniche e del legame con la SEO e il ROI. ...
Matteo Milo

Digital marketing: che ruolo ha il grafico pubblicitario?

L’innovazione digitale ha stravolto il mondo del marketing. Sono molte le nuove opportunità che si basano, soprattutto, sulle potenzialità dei ...
Alessia Nuzzo
CHIAMA SCRIVICI