Scopriamo insieme PageSpeed Insights

Sicuramente tutti voi sarete inccappati in quei siti talmenti lenti, che dopo ben 10 secondi, avete deciso di chiudere.

Studi a riguardo hanno provato che siti ottimizzati dal punto di vista della velocità di caricamento delle pagine, a parità di contenuti, ottengono più visitatori di siti “lenti”. Questo sia perché  il 40% dei visitatori abbandona un sito se impiega più di 3 secondi a caricare la pagina, sia perché un’esperienza positiva induce il visitatore a tornare più frequentemente.

Chiaramente tutto questo è ben conosciuto da Google che esplicitamente caldeggia la velocizzazione dei siti web, sia per una migliore fruizione che per il fatto, dicono, che l’aumento della velocità riduce i costi operativi.

Per questi motivi hanno deciso di introdurre anche il parametro relativo alla velocità del sito all’interno dell’algoritmo che ne determina il ranking.

Google crede che il fattore velocità sia un vantaggio per tutti: utenti, proprietari del sito e, alla fine, anche per se stessa, dunque ha pensato di mettere a disposizione dei webmaster uno strumento che consenta l’analisi dei siti web dal punto di vista della velocità di caricamento.

Utilizziamo PageSpeed Insights

PageSpeed Insights è il nome di questo tool. Sebbene sia dedicato agli sviluppatori, tutti sono in grado di utilizzarlo, almeno per verificare quanto un certo sito (che può anche non essere il vostro, ma, ad esempio, un sito della concorrenza), sia messo dal punto di vista della velocità.

Il tool, che si trova all’indirizzo PageSpeed Insights, si presenta in modo molto semplice e minimale come è tradizione Google.

L’utilizzo è semplice e immediato. Nell’apposito campo si inserisce l’indirizzo della pagina web da analizzare. Quindi si fa lavorare il tool pigiando il tasto “Analyze”. Una barra verde di avanzamento dei lavori indica la percentuale di completamento dell’analisi.

Alla fine compare una pagina caratterizzata da 2 schede, selezionabili cliccando sull’etichetta. La prima, indicata come “Mobile”, illustra il risultato dell’analisi per smartphone, l’altra, (Desktop) si riferisce all’analisi della velocità della pagina web caricata su computer.

Per ciascuna modalità di fruizione del sito sarà indicato un punteggio percentuale. Una valutazione pari a 100/100 sarebbe relativa ad un sito perfettamente ottimizzato per la velocità di caricamento. Normalmente abbiamo notato che si ottengono punteggi attorno a partire da 50/100 fino a 90/100.

In queste schede sono elencati i punti che si consiglia vivamente di correggere (Should Fix), quelli che potrebbe essere conveniente correggere (Consider Fixing) e le regole che invece il sito ha superato senza problemi (Passed Rules).
L’elenco dei punti da migliorare, come ad esempio “Optimize images”, comprende anche i suggerimenti su come agire. Cliccando “Show how to fix” compariranno dei dettagli, ad esempio, in questo caso, l’elenco delle immagini da ottimizzare.

Insomma, PageSpeed Insights è un ottimo strumento, semplice da usare, intuitivo ed efficace, che permetterà a tutti di stimare e poi, nel caso sia necessario, migliorare l’importante aspetto della velocità di visualizzazione dei siti web.

E tu hai un sito lento che nel frattempo si apra puoi prepararti un caffè? Contattaci per un’analisi gratuita.

Think Digital

Non c’è novità dal mondo del web che non alimenti la nostra insaziabile curiosità! Le innovazioni tecnologiche e informatiche ci appassionano e ci stimolano a ripensare continuamente gli schemi del nostro lavoro, per offrire ai nostri clienti soluzioni efficaci e sempre al passo coi tempi.

Leggi anche questi articoli

Gmail cambia logo: ecco come sarà

Google, il gigante di Mountain View, è una costante fonte di innovazione per gli utenti. Per questo motivo, Google non smette di guardare al futuro ...
Alessia Nuzzo

C’erano una volta gli emoticon: scopri quando sono nate le famose “faccine”

Chi di noi non conosce le emoticon, utilizzate quotidianamente nei messaggi e sui social? Ma forse non tutti sanno quando sono nate le famose ...
Giulia Chiffi

Scopriamo gli Hook di WordPress

Chiunque abbia una buona conoscenza dell’informatica, sarà senz’altro al corrente dell’esistenza delle procedure (o subroutines), ...
Biagio Chiarello
CHIAMA SCRIVICI