SEO per e-commerce: 5 regole che valgono sempre

La domanda che si pone ogni proprietario o gestore di un e-commerce è: esiste un modo per migliorare la posizione del mio shop online sui motori di ricerca ed avere maggiore visibilità nel mondo del web? La risposta è solo una ed è semplice: affidarsi alla SEO.


La gestione di un negozio virtuale richiede che ci si prenda cura di ciascun aspetto legato ad esso: partendo dalla commercializzazione di prodotti o servizi di qualità, proposti a prezzi in linea con il mercato, sono poi necessarie ottime competenze imprenditoriali e di marketing e, last but not least, è fondamentale procedere appunto con l’ottimizzazione SEO. Lavorare con decisione e pazienza in ottica SEO si può tradurre così in un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza e permetterà all’e-commerce di raggiungere degli importantissimi obiettivi di medio-lungo periodo, come allargare il pubblico di visitatori e potenziali clienti e generare nuovo traffico, garantire una visibilità duratura nel tempo, rafforzare la reputazione e la credibilità dello shop, generare guadagni maggiori ed incrementare il fatturato.

Le regole fondamentali da seguire

Il panorama SEO è in costante evoluzione e talvolta può essere difficile stare al passo con le nuove strategie e pratiche di ottimizzazione dei contenuti. Tuttavia, le regole del SEO per e-commerce che possono essere considerate fondamentali e che valgono sempre e comunque sono 5, e sono le seguenti.

Utilizzo delle descrizioni

Le descrizioni dei prodotti o servizi offerti sull’e-commerce devono essere necessariamente dei testi unici e particolarmente dettagliati in grado di entrare in contatto con il cliente con le parole giuste, fornendogli maggiori informazioni rispetto alla semplice scheda prodotto. Mai lasciare vuota o incompleta la descrizione quindi, perché fornendo maggiori dettagli sarà più probabile soddisfare le esigenze del cliente.

Contenuti unici e originali

I contenuti e i titoli di pagina realizzati per ciascun prodotto o servizio presente sull’e-commerce devono essere unici, originali e differenziati, non possono essere semplicemente duplicati neanche quando lo shop offre degli stessi prodotti ma con diversi colori, misure ecc. I contenuti devono essere poi costantemente aggiornati anche tramite il ricorso al feedback dei clienti, abilitando commenti e recensioni alle schede prodotto.

Keyword Research

È importantissimo inserire nelle schede dei prodotti o servizi forniti i dettagli più rilevanti sottoforma di parole chiave pertinenti. Queste possono essere inserite anche nei tag title e nelle immagini relative ai prodotti, ma sempre e comunque con logica per non rischiare di cadere nell’errore del keyword stuffing, ossia l’utilizzo smodato e non pertinente delle parole chiave.

Chiarezza, semplicità e velocità

Di fondamentale importanza, forse prima ancora delle descrizioni e delle parole chiave, è sicuramente la “navigabilità” dell’e-commerce, cioè la possibilità per il potenziale cliente di raggiungere con rapidità la pagina del prodotto che desidera consultare. Per questo motivo lo shop deve essere il più possibile intuitivo, fluido e semplice, senza però risultare allo stesso tempo scarno o poco curato, e costruito su una buona sitemap.

URL Google friendly chiari e unici

Al pari delle descrizioni, anche gli url devono essere quanto più possibile precisi, unici e dotati di parole chiave relative al prodotto o servizio richiesto dal cliente. È bene evitare quindi i classici url composti da una serie indistinta di lettere e numeri e optare per degli url più appetibili sia per i motori di ricerca, per quel che riguarda il posizionamento, sia per gli utenti dell’e-commerce che potranno ricordare più facilmente le pagine consultate.

Sono consigli basilari, ma che troppo spesso vengono presi sotto gamba.

Per migliorare le performance SEO, mettiamo al centro della nostra strategia l’utente e non il motore di ricerca.

Piccolo suggerimento: La Link Building, è sempre importante, per cui iniziare una campagna di Link Building e Digital Pr (sono due strategie differenti) è importante. Tu sai a chi affidarti? Contattaci per saperne di più.

Donato Antonazzo

Leggi anche questi articoli

CRO Marketing: cos’è la Conversion Rate Optimization

Avrai spesso sentito parlare, in ambito marketing, della CRO, delle sue caratteristiche, delle migliori tecniche e del legame con la SEO e il ROI. ...
Matteo Milo

Digital marketing: che ruolo ha il grafico pubblicitario?

L’innovazione digitale ha stravolto il mondo del marketing. Sono molte le nuove opportunità che si basano, soprattutto, sulle potenzialità dei ...
Alessia Nuzzo

Take a Break: l’opzione di Instagram che ti suggerirà di fare una pausa

Take a Break è un’opzione offerta da Instagram che suggerisce di fare una pausa in determinati momenti. Può essere attivata in piena autonomia ...
Giulia Chiffi
CHIAMA SCRIVICI