Sviluppo web: cosa sono i Web Components?

Nell’intricato universo delle interfacce web, l’utilizzo da parte degli sviluppatori di determinate librerie e framework dà spesso luogo a situazioni di complessa gestione.
Barra Servizi

A semplificare il panorama, negli ultimi anni hanno preso piede i Web Components, componenti flessibili e riutilizzabili in quanto standard.

In questo articolo, scopriremo cosa sono i Web Components e quali vantaggi possono apportare allo sviluppo web.

Web Components: tra standardizzazione e semplificazione

Gli sviluppatori, nella propria operatività, utilizzano spesso strumenti con standard differenti come librerie e framework che nella maggior parte dei casi non consentono un uso incrociato di frammenti di codice.

Ognuno di questi strumenti presenta punti di forza e di debolezza che difficilmente, nel tempo, hanno trovato pareri unanimi. Anche gli sviluppatori più esperti, spesso, faticano a districarsi in questo panorama.

Dunque, se da un lato librerie e framework si presentano come strumenti di semplificazione, in dall’altro presentano dei problemi di compatibilità con codice di altre librerie e difficoltà di riutilizzo di codice.

Fatta questa premessa, ti starai domandando quale sia la soluzione. I Web Components sono la risposta migliore a tali problematiche, grazie alla possibilità che offrono di essere utilizzati indipendentemente dai framework. Questo modello di lavoro, dal 2012, è divenuto via via una prassi comune, tanto da essere oggi compatibile con i più famosi browser.

Cosa sono i Web Components?

I Web Components sono blocchi di codice che possono essere costituiti da una HTML, CSS e JavaScript e ovviamente consentono il loro l’utilizzo in qualunque posizione di siti e applicazioni web.

Riconosciuto come standard nel 2012, il metodo dei Web Components vede sostanzialmente quattro specifiche per la formulazione di componenti HTML funzionali:

elementi personalizzati, cioè set di API JavaScript utili alla definizione di elementi personalizzati;
Set di API JavaScript utili all’incorporazione di elementi DOM;
– Set utili per l’inserimento e il riutilizzo di documenti JavaScript;
Template HTML, i più conosciuti anche dai meno esperti: modelli di riferimento da utilizzare come base per personalizzazioni.

Perché utilizzare i Web Components nello sviluppo web?

Come abbiamo visto, per anni gli sviluppatori web hanno fatto ricorso a librerie e framework, strumenti pratici e versatili, utilissimi durante un primo sviluppo di progetti ben definiti, ma eccessivamente rigidi in situazioni trasversali o soggette a successivi interventi.

Non è raro, infatti, che il cambiamento del framework richieda la riscrittura ex novo del codice, per esempio.

Per questo, sono stati introdotti e promossi i Web Components, elementi standard e universali ideali per essere modificati, riutilizzati e sfruttati in maniera flessibile anche da programmatori alle prime armi.

Matteo Bleve

Leggi anche questi articoli

E se il Metaverso si potesse toccare con mano?

I ricercatori del colosso Samsung hanno sviluppato una nuova tecnologia in grado di farci “sentire” il metaverso. Si chiama “e& ...
Alessia Nuzzo

Scheda prodotto e-commerce: 5 consigli per scriverla in modo efficace

Per promuovere e presentare gli articoli che hai intenzione di vendere online è necessario scrivere una scheda prodotto, una breve descrizione che ...
Biagio Chiarello

Google EEAT: cosa significa e come migliorare i segnali sulle pagine

Google EEAT è un acronimo che sta per “Experience, Expertise, Authoritativeness, Trustworthiness” che in italiano si traduce con “ ...
Donato Antonazzo
CHIAMA SCRIVICI