La promessa di Mark: Meta fermerà la pubblicità su argomenti sensibili

Meta, l’azienda gestita da Mark Zuckerberg, ha annunciato un insieme di cambiamenti che riguarderanno le sue principali piattaforme, tra cui Facebook e Instagram.
Barra Servizi

Alcune modifiche hanno a che fare con la pubblicità e gli argomenti sensibili in generale. Ecco cosa c’è da sapere a riguardo.

La proposta di Mark Zuckerberg sulla pubblicità dei suoi social network

Numerosi dibattiti hanno riguardato le community gestite da Mark Zuckerberg per ciò che concerne la sicurezza. Una delle situazioni più spinose coincide con la gestione dei dati sensibili forniti ad alcuni inserzionisti. In determinate circostanze, gli algoritmi forniscono informazioni molto importanti su coloro che usano alcune piattaforme.

Dati di questo tipo sono in grado di assumere un’importanza fondamentale. Entrando nei particolari, gli inserzionisti si muovono per sfruttare al massimo le varie informazioni. In questo modo, è possibile incrementare in misura notevole i profitti di alcuni target specifici.

Con tali premesse, mantenere la propria privacy diventa sempre più difficile. Ed ecco che Meta ha sottolineato l’intento di far sparire la maggior parte dei dati in suo possesso, già a partire dal prossimo mese di gennaio. Gli inserzionisti, quindi, non possono più ricevere informazioni di vitale importanza per chi le fornisce.

Le misure pubblicitarie di Meta

Entrando nei particolari, Meta ha comunicato che dal mese di gennaio 2022 saranno rimosse tutte le funzionalità di targeting dettagliate. Le misure riguardano argomenti che i singoli utenti possono ritenere sensibili.

Le novità riguardano tutti gli argomenti che fanno riferimento a cause, organizzazioni o figure pubbliche inerenti a tematiche molto sensibili. Dalla salute alla razza, dalla religione all’appartenenza politica, senza dimenticare l’orientamento sessuale e i riferimenti all’etnia, ogni argomento va monitorato al meglio.

Le difficoltà per gli inserzionisti

L’eliminazione di alcune delle opzioni di targeting sta destando preoccupazione in molti partner pubblicitari di Meta, altri, invece, sembra abbiano compreso la decisione dell’azienda. L’obiettivo, quindi, è quello di evolvere il sistema di annunci così da riuscire ad andare incontro alle diverse necessità ed esigenze di tutte le aziende che collaborano con Meta.

In pieno periodo di rebranding e di svolta annunciata da Zuckerberg verso il metaverso, si sta per attuare il cambiamento sui contenuti polarizzanti e politicizzati che il fondatore di Facebook aveva preannunciato a settembre.

Gli utenti, dal canto loro, potranno usufruire di ulteriori strumenti per bloccare inserzioni pubblicitarie non molto gradite.

Federico Petracca

Leggi anche questi articoli

Facebook e Instagram a pagamento: cosa c’è di vero?

A riportare la notizia è stato il sito web The Verge: Facebook e Instagram a pagamento per arginare una perdita di utili avvenuta nell’ultimo anno. ...
Federico Petracca

Anche il web inquina: ecco come

Non c’è dubbio che Internet renda molte attività quotidiane apparentemente più sostenibili per il nostro Pianeta. Ma c’è una cattiva ...
Angelo Pignatelli

Come gestire i commenti negativi su Facebook

Commenti negativi su Facebook? Purtroppo bisogna mettere in conto che potrebbero arrivare. Ma come gestirli? ...
Giulia Chiffi
CHIAMA SCRIVICI