WordPress, Prestashop e Magento: quale scegliere?

Le vendite on-line sono in netto aumento e quindi l’opzione di aprire un e-commerce sta diventando un’opportunità sempre più vantaggiosa.
Barra Servizi

Le vendite on-line sono in netto aumento e quindi l’opzione di aprire un e-commerce sta diventando un’opportunità sempre più vantaggiosa.

Tuttavia una corretta gestione di un ecommerce comporta, tra le altre scelte, anche quella di un efficace CMS (Content Management System), in grado di supportare tutte le attività necessarie alla vendita online, anche senza la necessità di specifiche conoscenze tecniche.

Un CMS è pertanto lo strumento ideale per sviluppare un ecommerce con un’interfaccia di amministrazione che il venditore può sfruttare per modificare il proprio catalogo dei prodotti e gestire gli ordini e i clienti in tutta tranquillità.

Tra le piattaforme più utilizzate ci sono sicuramente WordPress con il plugin Woocommerce, Prestashop e Magento che si prestano a garantire in base alle proprie esigenze gli strumenti necessari a raggiungere i propri scopi.

Woocommerce: l’ideale per piccoli business

WooCommerce è un’estensione di WordPress, il CMS più famoso e più utilizzato, anche se risulta ancora carente su alcune funzioni poiché non è stato progettato per le vendite on-line ma bensì per gestire un semplice blog.

Ecco perché WooCommerce si conferma un solido e affidabile plugin in grado di ottimizzare le prestazioni di WP, rendendolo meglio gestibile ed efficace.

Questa estensione, che è gratuita, offre una vasta scelta di personalizzazioni ed è facile e intuitiva, per cui può essere utilizzata anche da chi sta affacciandosi nel mondo degli e-commerce.

Perfetto per attività di piccole dimensioni, WooCommerce ha comunque alcuni limiti strutturali che contribuiscono ad appesantire il sito e che quindi risulta utilizzabile in un ecommerce con un’architettura semplice e un catalogo ridotto.

Prestashop, il giusto compromesso

Valutato uno dei migliori CMS per e-commerce, Prestashop si presenta come una piattaforma estremamente intuitiva, progettata per piccole e medie imprese e poi diventata un efficace supporto anche per la gestione di negozi virtuali.

Grazie alla presenza di Smarty, un motore di ricerca molto leggero in quanto separa la grafica dai contenuti, è possibile inserire un numero praticamente illimitato di categorie e sottocategorie, garantendo inoltre un ottimo posizionamento SEO.

Il download del suo codice è gratis, mentre le estensioni sono a pagamento e prevedono cifre differenti a seconda delle necessità individuali della piattaforma.

Pratica da installare e da gestire, questa opzione è probabilmente la migliore per chi ha un ecommerce di media complessità ma che comunque non ha necessità di un sistema troppo complesso e di un uso di risorse hardware elevato.

Magento: il CMS più completo ed efficiente

Magento è il CMS più sofisticato dei tre e presuppone una certa esperienza nel settore, soprattutto per la vasta gamma di estensioni che offre e per l’installazione piuttosto concettosa. Anche i suoi aggiornamenti e la continua manutenzione richiedono notevoli conoscenze tecniche.

Essendo indicata per amministrare cataloghi di ampie dimensioni, che vengono gestiti con particolare competenza, Magento ha bisogno di maggiori risorse hardware per funzionare e prevede quindi dei costi mediamente più elevati.

Una piattaforma complessa da installare e da mantenere e dai costi elevati, indicata soprattutto per chi ha bisogno di gestire un ecommerce con tante funzionalità e caratteristiche e dalle prestazioni efficienti.

La scelta tra Prestashop, Magento oppure WooCommerce è soggettiva, in quanto tutte le opzioni presentano pregi e difetti, che devono essere valutati e relazionati alle proprie esigenze, alle caratteristiche dell’attività in rete, al budget a disposizione e alle strategie di marketing.

Matteo Bleve

Leggi anche questi articoli

A scuola di e-commerce: come diventare un ottimo imprenditore digitale

Oggigiorno, il ruolo di e-commerce manager è sicuramente uno dei ruoli professionali che desta maggior interesse nel quadro delle professioni ...
Biagio Chiarello

Criptovalute e inquinamento: ecco qual è l’impatto ambientale del Bitcoin

Può sembrare strano, ma minare le criptovalute, pur trattandosi di moneta interamente digitale, ha dei costi ambientali piuttosto elevati. Un ...
Angelo Pignatelli

Google lancia “Il mio centro per gli annunci”

Google ha da poco lanciato una funzione che dà agli utenti la possibilità di personalizzare e controllare la pubblicità. Si chiama “Il mio ...
Ernesto Torsello
CHIAMA SCRIVICI