Your Money, Your Life: cosa sono i contenuti YMYL e come gestirli

Le pagine YMYL richiedono un’attenzione particolare nel mondo del web: con questo acronimo si intende sintetizzare il concetto di Your Money or Your Life.

Si fa riferimento a quelle pagine web che trattano argomenti delicati, che potrebbero influire negativamente sulla felicità, sulla salute e sulla sicurezza della persona.

I contenuti YMYL, per posizionarsi bene nella SERP (la pagina dei risultati di ricerca online), devono rispettare alcuni requisiti. Google e altri motori di ricerca limitano, infatti, le pagine poco affidabili e che possono appresentare un’insidia per chi naviga online.

Quali sono le pagine YMYL

Come già detto in precedenza, con l’acronimo YMYL si identificano le pagine web che trattano un argomento relativo alla felicità, alla salute, agli investimenti e alla sicurezza degli utenti. In questa tipologia di pagine rientrano i siti:

  • in cui si effettuano transazioni finanziarie: rientrano certamente in questa categoria i siti di e-commerce, i siti abbinati agli istituti bancari, quelli in cui si possono effettuare pagamenti delle bollette e trasferire denaro.
  • contenenti informazioni di tipo finanziario, per esempio le pagine relative a investimenti finanziari, assicurazioni sanitarie, azioni.
  • con contenuti a tema sanitario e medico. Leggi anche “Pillole” di web marketing: guida ai social per strutture sanitarie.
  • che affrontano tematiche legali, per esempio riferite a divorzi, separazioni, testamenti.
  • che diffondono notizie o articoli di cronaca e attualità.

Informazioni errate o che non tengono conto della sensibilità dell’utente possono avere un impatto negativo su chi legge. I rischi, per particolari settori, possono ripercuotersi sulla salute o sulla sfera economica della persona. Ecco perché gli algoritmi dei motori di ricerca limitano apparenti bufale o frodi online.

Il concetto di E.A.T.

Alla base di ogni pagina YMYL ben costruita vi è il concetto di E.A.T. Con questo acronimo si fa riferimento a tre fattori fondamentali per il posizionamento nella SERP, ovvero:

  • Expertise (competenza);
  • Authority (autorevolezza);
  • Trustworthiness (affidabilità).

In altre parole, dall’articolo e dal sito web deve emergere la competenza di chi scrive, l’autorevolezza della fonte di informazione e l’affidabilità dei servizi offerti o dei contenuti in generale.

Quando si parla di expertise si fa riferimento all’importanza di essere ben informati sull’argomento trattato. Non basta essere preparati e competenti. Occorre anche costruire contenuti completi, semplici nel linguaggio e chiari a tutti.

Oltre alla competenza, è fondamentale che il contenuto sia autorevole. A tal fine è utile che un numero elevato di persone citi la pagina web. Anche le condivisioni sui social e nella rete in generale offrono un importante boost alla pagina. Naturalmente ciò si ottiene lavorando bene in ottica SEO e offrendo contenuti validi.

Infine, occorre che la pagina web sia affidabile. L’utente deve sentirsi sicuro di non essere truffato e di non leggere fake news. È importante anche che vi sia un riferimento alla tutela della privacy. Inoltre, se sono previste transazioni economiche, è opportuno prediligere metodi di pagamento sicuri e riconosciuti.

Per costruire contenuti performanti e rispondenti ai criteri E.A.T., affidati ai professionisti della comunicazione. Clicca qui per scoprire i servizi di Envision.

Giulia Chiffi

Leggi anche questi articoli

Social, video e smartphone: la nuova trinità del marketing.

Non è più un mistero: oggi i social prediligono il movimento del video rispetto alla staticità di una foto. ...
Alessia Nuzzo

Twitter passa a Musk: libertà di parola al primo posto

Con l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk, per una cifra di un valore complessivo di 44 miliardi di dollari, il social network che “ ...
Giulia Chiffi

Fissare i post in alto? Instagram ci sta pensando

Negli ultimi mesi gli sviluppatori di uno dei social network più amati e popolati al mondo, Instagram, ha implementato delle modifiche che hanno la ...
Federico Petracca
CHIAMA SCRIVICI