Woocommerce vs Magento: in cosa si differenziano?

Chi ha l’esigenza di realizzare un e-commerce per la vendita dei propri articoli si trova quasi sempre a verificare i pro e i contro delle due più comuni piattaforme oggi in uso, ossia Magento e WooCommerce.

Si tratta di piattaforme CMS open source molto apprezzati ma che presentano caratteristiche differenti, per cui alcuni venditori possono trovare nell’una o nell’altra le specifiche che meglio si adattano alle proprie esigenze.

Di seguito si presenteranno le peculiarità delle due piattaforme, ricordando che prima di optare per una soluzione o per l’altra è necessario verificare con attenzione non solo quali sono le proprie necessità di vendita, ma anche le caratteristiche del proprio sito.

WooCommerce e Magento: le principali differenze

Nel cercare di comprendere quale delle due piattaforme possa essere migliore, o meglio, quale possa essere la più adatta al proprio e-commerce, è necessario per prima cosa comprendere quali sono le principali differenze tra le due.

WooCommerce è un plugin pensato per tutti i siti che utilizzano WordPress come piattaforma di sviluppo: permette di aggiungere le funzionalità di ecommerce a quelle base( per la gestione di un blog) già presenti sulla piattaforma. Questo tipo di negozio online è molto semplice da utilizzare ed integrare, ma non è adatto per gestire un’enorme mole di dati, ordini e prodotti.

Magento, invece, è più complesso da usare e presenta anche costi più elevati: si può dire che è una soluzione particolarmente sofisticata, flessibile e personalizzabile, molto apprezzata soprattutto dai grandi store online. Questa piattaforma CMS è stata creata con l’unico intento di gestire e-commerce e pertanto risulta essere più efficiente e performante sia nel breve che nel lungo periodo quando la quantità di dati da gestire sarà notevole.

Infine, WooCommerce permette di impostare il proprio e-commerce con le principali funzioni di sicurezza di base, per una buona protezione del proprio negozio online; Magento permette invece di selezionare funzioni di sicurezza avanzate e di personalizzare il proprio livello di sicurezza in base alle proprie esigenze, ossia ai punti critici e vulnerabilità riscontrate.

Come scegliere?

Come evidenziato in apertura, la scelta di una piattaforma o di un’altra dipende soprattutto dalle proprie esigenze di impostazione dell’e-commerce, nonché dal budget a disposizione e dalla competenza che si ha nell’utilizzo degli strumenti che permettono di usare in pieno tutte le funzionalità di ciascuna piattaforma.

Matteo Bleve

Leggi anche questi articoli

Twitter passa a Musk: libertà di parola al primo posto

Con l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk, per una cifra di un valore complessivo di 44 miliardi di dollari, il social network che “ ...
Giulia Chiffi

Fissare i post in alto? Instagram ci sta pensando

Negli ultimi mesi gli sviluppatori di uno dei social network più amati e popolati al mondo, Instagram, ha implementato delle modifiche che hanno la ...
Federico Petracca

Turismo esperienziale: le eccellenze pugliesi al BTM 2022

BTM – Business Tourism Management è alla sua ottava edizione. Come sempre, si tratta di un evento che unisce i principali intermediari del settore ...
Ernesto Torsello
CHIAMA SCRIVICI